BENVENUTO NEL PORTALE DI ASSISTENZA
SULLA FATTURAZIONE ELETTRONICA


Qui puoi trovare molte risposte ai tuoi dubbi e procedure operative rispetto al gestionale che utilizzi.

FASE I - Prendi visione di tutti i dubbi già emersi e delle relative risposte

 

FAQ - GO

E' possibile inviare la fattura elettronica ad un cliente provvisto solo di PEC?
Sì, ricordarsi di aggiungere l'indirizzo PEC del cliente in GESNOM (Gestione Nominativi); inserire poi in GESCLI (Gestione Clienti) il codice destinatario 0000000 e cliccare la spunta ABILITA FATTURA ELETTRONICA.
Come abilitare le anagrafiche clienti alla fattura elettronica?
In alternativa al programma GESCLI, la fatturazione elettronica può essere attivata massivamente attraverso "Abilitazione Clienti per Fattura Elettronica" (Utilità Anagrafiche / Utilità Clienti). Si potranno abilitare due flag : il primo, "Abilita clienti italiani per emissione fattura elettronica", valido per tutti i clienti che possiedono il codice ISO "IT" nei dati della sede legale; il secondo flag "Avviso mancata PEC per clienti senza codice destinatario" invidua i clienti ai quali non è stato assegnato nè il codice destinatario, nè un indirizzo PEC. Tale funzione è utile per effettuare un controllo sui dati anagrafici dei clienti e quindi evitare errori di invio allo SDI.
CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA: Come caricare una fattura ricevuta nel cassetto fiscale all'interno del portale 2C Solution?
Con il prossimo aggiornamento di 2C Solution verrà rilasciata una specifica utility che permetterà di caricare a portale le fatture d'acquisto ricevute nel cassetto fiscale ai fini della conservazione sostitutiva. Rilasceremo ulteriori informazioni ed aggiornamenti in merito non appena saranno disponibili.
Notifica di Mancata Consegna (MC). La mia fattura è stata emessa?
La notifica di Mancata Consegna è un messaggio che lo SDI invia al trasmittente per segnalare la temporanea impossibilità di recapitare la Fattura Elettronica al destinatario. La suddetta ricevuta viene inviata nel caso in cui, pur essendo individuato un canale di recapito, lo stesso non è possibile per cause tecniche (ad esempio casella PEC piena o canale non attivo). Il soggetto trasmittente dovrà comunicare al cliente la disponibilità del documento nel sito dell'Agenzia delle Entrate, sezione Fatture e Corrispettivi. Al messaggio si allega una copia analogica o informatica della fattura.
Come registrare il proprio Codice Destinatario nel cassetto fiscale?
Inserire le credenziali per accedere a Fatture e Corrispettivi, raggiungibile al link https://ivaservizi.agenziaentrate.gov.it/portale/; cliccare sulla voce "registrazione dell’indirizzo telematico", dove si riceveranno tutte le fatture elettroniche. A questo punto andrà selezionata la preferenza “Codice Destinatario” e riportato il codice che vi sarà già stato fornito. Quindi procedere al salvataggio.
E' obbligatorio registrare il Codice Destinatario nel sito dell'Agenzia delle Entrate?
Non è obbligatorio, ma consigliabile.Abbinando il Codice Destinatario alla Partita IVA nel sito Agenzia delle Entrate, lo SDI invierebbe automaticamente tutte le fatture elettroniche a quell'indirizzo registrato a sistema. In questo modo non sarebbe più necessario comunicare dati come l'indirizzo PEC o il Codice Destinatario ai fornitori. La fattura elettronica risulterebbe correttamente emessa e ricevuta nella piattaforma SDI di riferimento o mediante integrazione con il software gestionale.
Fatturazione Passiva: quali campi della fattura sono modificabili?
Dopo aver effettuato l'importazione delle fatture ricevute dal portare 2C Solution attraverso GO_DICHIARATIVI, è possibile visualizzare le fatture elettroniche attraverso un programma di interfaccia che permette modificare alcuni campi del documento prima di procedere con la registrazione in primanota. I campi che verranno visualizzati con il colore azzurro e verde non sono modificabili poiché importati direttamente dal file XML. I campi bianchi sono modificabili, e riguardano la data di registrazione, data di competenza Iva, le righe di dettaglio degli articoli, la causale del sottoconto contabile.
Come creare una nuova anagrafica fornitore a partire dalla fattura ricevuta?
Nel caso in cui si riceva una fattura da un fornitore non ancora registrato nelle anagrafiche del sistema, è possibile accedere alla voce "crea fornitore", presente sul pannello di destra, qualora il campo "codice fornitore" della fattura sia vuoto. Compilare quindi tutti i campi obbligatori, considerando che alcuni dati saranno direttamente ricavati dalla fattura XML, per completare l'anagrafica del fornitore. Se necessario, modificare i dati tabellati di default importati dall'anagrafica ditta.
Come inserire degli allegati alla fattura elettronica?
E' possibile allegare dei documenti alla fattura che verrà trasmessa elettronicamente allo SDI. All'interno della fattura di vendita, posizionare il TAB nel campo del numero progressivo, e cliccare sull'icona "documenti allegati" (si trova nel menu in alto, a destra, ed ha come immagine una freccia verde sopra un foglio). Caricare quindi i documenti interessati. Tali documenti potranno essere visualizzati anche all'interno del portale 2C Solution, nei dettagli della fattura elettronica.
Come modificare le righe IVA in prima nota di fatture d'acquisto già contabilizzate?
Le righe iva dei movimenti di prima nota non si possono modificare nè cancellare per documenti o castelletto IVA già memorizzati. Questo vale sia per le fatture elettroniche che analogiche. Per modificare le righe IVA nei movimenti di prima nota è indispensabile procedere con l’eliminazione della prima nota (storna prima nota - ricordarsi di eliminare manualmente il progressivo prima nota per annullare l'abbinamento) e il reinserimento, inserendo manualmente il numero protocollo. Se deriva da acquisti invece bisogna procedere con lo storno consolidamento. Questo blocco è voluto per inibire la possibilità di disallineare i progressivi iva.
Come modificare una fattura d'acquisto contabilizzata?
Per modificare una fattura d’acquisto precedentemente contabilizzata in GO, è necessario procedere con lo storno dell’abbinamento tra la fattura elettronica e la registrazione in primanota. Se la fattura era già stata registrata in un movimento contabile attraverso il modulo acquisti, nel programma GESTFEFRN cliccare la voce STORNI< ANNULLA ABBINAMENTO. Questo passaggio permette di annullare il collegamento tra fattura elettronica e documento in primanota. La registrazione in primanota contabile non verrà cancellata, anche nel caso in cui sia stata creata con il programma di interfaccia (CREA PRIMANOTA). Dopo l’annullamento, i campi della fattura modificabili sono i seguenti: - Data registrazione, data competenza iva, fornitore (modificabile solo se il campo è vuoto, quindi da aggiungere come nuova anagrafica), codice pagamento, codice ritenuta, righe Iva, righe sottoconto. Nel caso in cui la fattura fosse stata registrata attraverso l’operazione CREA PRIMANOTA, sarà allora necessario cliccare dallo stesso pannello la voce “STORNA PRIMA NOTA”; ricordarsi inoltre di cancellare manualmente il progressivo della fattura elettronica presente in contabilità. Per poter effettuare delle altre modifiche diverse rispetto a quelle sopra elencate (ad esempio, modificare le righe IVA) è necessario procedere con l’eliminazione della primanota e il reinserimento, inserendo manualmente il numero di protocollo.
 

FASE II - Visita il portale generale sulla fatturazione elettronica

 
 

FASE III - Guarda il webinar del 20 dicembre 2018

 
 

FASE IV - Sfoglia le slides del webinar del 20 dicembre 2018

 
 

FASE V - Consulta gli errori di compilazione più diffusi

TIPO DI ERRORE
DESCRIZIONE
CORREZIONE
ANAGRAFICA
L'elemento 'Fax' non è valido. il valore '+390498-----' non è valido per il tipo di dati
Cancellare il prefisso +39 dall'anagrafica del cliente/fornitore.