Voucher di 10mila euro a sostegno delle pmi

Nei giorni scorsi il ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi, ha firmato il decreto che prevede l’erogazione di voucher da 10mila euro per le pmi che decidano di investire nella digitalizzazione delle proprie aziende.

Anche se l’iter burocratico, con la firma del ministro si trova ad un importante punto di svolta dovremo ancora aspettare perché esso diventi operativo.

Come approfittare di questo contributo e dove investire

Nel frattempo, rispetto al 2013, quando di questa iniziativa si parlò per la prima volta all’interno dei provvedimenti di Destinazione Italia promossi dal governo, sono state chiarite le sei aree di intervento, le spese ammissibili e i destinatari interessati.

Questo piccolo ma importante passo avanti è un’opportunità imperdibile per le realtà interessate dal provvedimento perché consentirà loro di iniziare a valutare come muoversi e avviare il processo che porterà alla formulazione della domanda.

Quindi il nostro consiglio è di assicurarvi una consulenza che vi aiuti a scegliere dove e come investire questo finanziamento perché possa essere proficuo alla vostra azienda.

Nel frattempo la parola passa al ministro Padoan al quale spetta il compito di dare il definitivo via libera agli incentivi.

Chi può fare richiesta del voucher

L’incentivo è destinato alle micro, piccole e medie imprese

Le aree di intervento

  1. miglioramento dell’efficienza aziendale;
  2. modernizzazione dell’organizzazione del lavoro (anche mediante telelavoro);
  3. sviluppo di soluzioni di e-commerce;
  4. connettività a banda larga e ultralarga;
  5. collegamento alla rete internet mediante satellite, quindi con acquisto di decoder e parabole, dove non sono disponibili soluzioni fisse;
  6. formazione qualificata, nel campo dell’Ict, del personale delle Pmi.

N.B I voucher saranno concessi nella misura massima del 50% del totale delle spese ammissibili, tutte riconducibili alle attività di miglioramento organizzativo e di digitalizzazione.